Ago 09 2011

Ristrutturazioni immobili per isolamento termico a Roma e nel Lazio

Category: Comunicati Stampaadmin @ 20:04

L'isolamento inadeguato tipico di molti immobili è la principale causa dell'alto costo della bolletta energetica: un edificio mal isolato tenderà a disperdere più facilmente il caldo e il freddo, con ovvi impatti sui costi.

Migliorare l'isolamento termico del proprio immobile apporta numerosi vantaggi, non ultimo quello di un maggiore comfort e quello di un considerevole risparmio economico. Già questi due aspetti, da soli, giustificano ampiamente l'investimento e consentono di rientrare dei capitali spesi in tempi relativamente brevi.

La Edil Polce srl è in grado di realizzare in tempi brevi sistemi d'isolamento per i vostri immobili, utilizzando i materiali migliori, tra cui spiccano quelli di origine naturale, in modo da portarvi in un ambiente molto più confortevole e con un deciso risparmio economico sulla bolletta energetica.
In molti casi si riesce a comprendere il reale vantaggio dell'isolamento termico solo dopo averlo effettuato e questo, unito al timore dell'invasività dell'intervento di ristrutturazione per isolare l'immobile, tende a frenare il proprietario dell'immobile, sconsigliandogli di eseguire l'intervento. Le tecnologie da noi utilizzate permettono di ridurre tale invasività al minimo e saremo lieti di spiegare ai nostri clienti quanto sia veramente trascurabile il disturbo arrecato dalla ristrutturazione e quanto, invece, sia vantaggioso dal punto di vista economico e del comfort realizzare l'isolamento.

Siamo in grado di eseguire anche interventi combinati di isolamento termico e acustico.

Per richiedere un preventivo gratuito senza impegno, per avere maggiori informazioni o, più semplicemente, per un nostro parere, potete liberamente contattarci: saremo lieti di ascoltarvi.

Tag: , , , , ,


Lug 26 2011

Riducete anche del 70% la vostra spesa in gasolio, GPL o metano per riscaldamento

Category: Comunicati Stampaadmin @ 08:22

Praticamente tutti i condomini oggi vivono come un dramma la spesa per il riscaldamento.

Sia per colpa della crisi economica che a causa del rincaro dei prezzi di petrolio e metano, ogni anno diventa sempre più pesante la bolletta del riscaldamento.

Di conseguenza, con il passare del tempo, o il condominio si indebita sempre più o i condomini sono sempre più critici nei confronti delle spese per riscaldare l'immobile.

E via a cercare soluzioni al problema: cambiare combustibile utilizzato (gasolio -> GPL – > metano, …), cambiare caldaia, cambiare fornitore, rateizzare, …

E non solo non viene risolto il problema ma si continua ad emettere anidride carbonica nell'atmosfera, assieme ad altri prodotti di combustione tutt'altro che salutari.

Tutto questo non basta: è necessario aggiungere i costi di manutenzione delle caldaie, la pulizia e la verifica delle canne fumarie, la prevenzione degli incendi eccetera eccetera.

In pratica, oltre ad inquinare generando smog ed effetto serra, siamo costretti anche a spendere cifre considerevoli.

Si badi bene: effetto serra significa cambiamenti climatici dannosi se non catastrofici.

La tecnologia può aiutarci a ridurre significativamente il costo del riscaldamento, sia verso l'ambiente che relativamente alle nostre tasche?

Con la geotermia, una tecnologia in funzione da oltre cinquant'anni, si può risolvere il problema.

Il termine geotermia evoca subito sbuffi di vapore infuocato e acque ribollenti.

La geotermia di cui stiamo parlando non prevede di abitare su un geyser ma è detta “a bassa entalpia” proprio perché non necessita di grandi quantità di calore.

Come  funziona un impianto geotermico a bassa entalpia?

Il principio è molto semplice: una pompa di calore molto efficiente scambia calore con il sottosuolo mediante dei tubi (sonde) che vi penetrano. Poiché la temperatura del sottosuolo è costante tutto l'anno, questo processo è molto conveniente.

Il processo sopra descritto può essere facilmente invertito in modo da ottenere anche freddo (e a condizioni ancor più vantaggiose del caldo).

Conclusione: grazie ad un impianto geotermico possiamo rinfrescare d'estate (come un condizionatore), riscaldare d'inverno e produrre acqua calda sanitaria.

L'effetto di tutto questo è un risparmio sulla bolletta energetica che può arrivare fino al 70-80%!

A questo risparmio dobbiamo aggiungere che, funzionando il sistema con la sola energia elettrica, non viene prodotta altra anidride carbonica o composti pericolosi.

Per un preventivo gratuito e senza impegno potete contattarci:

Logica dei Sistemi dell'ing. Luca Lezzerini

Tel. 06.9559.5344

Cell. 346.665.3009

e-mail info@logicadeisistemi.it

Tag: , , , , ,


Lug 01 2011

Impianti di climatizzazione con la geotermia a Fiuggi

Category: Comunicati Stampaadmin @ 17:07

Nell'amministrare un condominio, uno dei principali problemi è il costo del riscaldamento invernale.

Sia per colpa della crisi economica che a causa del rincaro dei prezzi di petrolio e metano, ogni anno diventa sempre più pesante la bolletta del riscaldamento.

Di conseguenza, con il passare del tempo, o il condominio si indebita sempre più o i condomini sono sempre più critici nei confronti delle spese per riscaldare l'immobile.

La questione viene affrontata con tentativi tanto sinceri quanto inutili: ridurre le ore di riscaldamento, contabilizzare il calore, cambiare caldaia, cambiare tipo di combustibile fossile.

Tutte queste soluzioni continuano, però, ad immettere in atmosfera anidride carbonica e altri elementi prodotti dalla combustione che avviene nella caldaia.

Tutto questo non basta: è necessario aggiungere i costi di manutenzione delle caldaie, la pulizia e la verifica delle canne fumarie, la prevenzione degli incendi eccetera eccetera.

Tirando le somme: si finisce per spendere somme ingenti e per inquinare sempre di più il nostro pianeta.

E non si dimentichi che più anidride carbonica immettiamo in aria e più peggiora la qualità della nostra vita.

Come possiamo fare per trovare una soluzione vera al problema dei costi, economici e ambientali, del riscaldamento?

Geotermia: una grandissima innovazione tecnologica che esiste da cinquant'anni.

Il termine geotermia evoca subito sbuffi di vapore infuocato e acque ribollenti.

La geotermia di cui stiamo parlando non prevede di abitare su un geyser ma è detta “a bassa entalpia” proprio perché non necessita di grandi quantità di calore.

Qual è il funzionamento della geotermia a bassa entalpia?

L'idea di base è banale: utilizzare una pompa di calore molto efficiente per scambiare calore con il terreno, visto che quest'ultimo ne contiene non poco anche in zone non vulcaniche.

Il processo sopra descritto può essere facilmente invertito in modo da ottenere anche freddo (e a condizioni ancor più vantaggiose del caldo).

In questo modo possiamo: riscaldare l'inverno, produrre acqua calda sanitaria e rinfrescare (ossia condizionare) d'estate.

Risultato: un risparmio che può arrivare anche al 70-80% in meno della spesa fatta alla maniera tradizionale.

Poiché il sistema funziona ad energia elettrica, non si inquina ulteriormente e non si hanno problemi di prevenzione incendi o di controllo dei fumi.

Se avete bisogno di ulteriori informazioni e di un preventivo gratuito e senza impegno potete contattarci:

Logica dei Sistemi dell'ing. Luca Lezzerini

Tel. 06.9559.5344

Cell. 346.665.3009

e-mail info@logicadeisistemi.it.

Tag: , , , , , ,


Giu 29 2011

Rinfrescare d’estate con la geotermia a bassa entalpia a Latina

Category: Comunicati Stampaadmin @ 22:24

Come facciamo a riscaldare o rinfrescare la nostra casa, il nostro ufficio o qualsiasi altro ambiente (centro commerciale, albergo, ristorante,…)?

In che modo produciamo acqua calda sia per lavarci (a casa o presso centri sportivi) sia per utilizzarla, ad esempio,  con gli animali nelle aziende agricole?

Possiamo farlo in due maniere: utilizzando l'energia elettrica (spesso in modo inefficiente come negli scaldabagno) o bruciando combustibili che o inquinano o sono scomodi da utilizzare.

C'è la possibilità di utilizzare una tecnologia migliore dei condizionatori, che permetta di riscaldare d'inverno e rinfrescare d'estate a costi più che accettabili?

Per risolvere questo dilemma possiamo utilizzare la geotermia a bassa entalpia che sfrutta la grande quantità di calore contenuta nel sottosuolo.

In pratica, si eseguono una o più perforazioni (simili a quelle di un pozzo per l'acqua) fino a 90-100 m. In tali fori si inseriscono dei tubi contenenti un liquido (acqua + un antigelo) che permettono ad una pompa di calore geotermica (ossia una pompa di calore ad altissima efficienza) di scambiare calore con il sottosuolo.

Per riscaldare durante l'inverno si preleva il calore dal terreno pompandolo dentro casa mentre d'estate si sottrae il calore da dentro l'immobile, rinfrescandolo, per poi pomparlo nel terreno, dove verrà accumulato e potrà essere di utilizzato nell'inverno successivo.

In questa maniera riusciamo a ricavare, da ogni kilowattora di energia fornito alla pompa di calore ben 5 kWh di caldo o 7 kWh di freddo!

Per questo motivo un impianto geotermico può permettere un risparmio annuo sulla bolletta di riscaldamento e raffrescamento che arriva fino al 70%-80%!

Lo spazio necessario per un impianto di geotermia a bassa entalpia e di poche decine di metri quadri tra una piccola sala tecnica e lo spazio dove posizionare le sonde (tipicamente un piazzale, un viale o altro)

Se volete approfondire il discorso ottenendo informazioni più dettagliate su questa soluzione innovativa (utilizzata in Europa da oltre cinquant'anni) potete contattarci per un preventivo gratuito.

Edil Polce srl

Cell. 349.4266.757 339.23.73.903  Tel. / Fax 06.9559.5230

mail info@edilpolce.com

Tag: , , , , ,


Giu 27 2011

Impianti geotermici a Frosinone

Category: Comunicati Stampaadmin @ 16:46

In quale maniera climatizziamo le nostre case, gli immobili in cui lavoriamo (uffici, alberghi, ristoranti,… )?

Come riscaldiamo l'acqua per le nostre case?

In genere in due modi: o bruciamo combustibili (legna, GPL, gasolio, metano, …) oppure utilizziamo l'energia elettrica (scaldabagno, boiler, pompe di calore, climatizzatori, condizionatori,…).

Possibile che non esista un modo più efficiente per riscaldare le nostre case d'inverno e rinfrescarle d'estate, qualcosa di più efficace dei tradizionali condizionatori?

Con la geotermia a bassa entalpia risolviamo il problema sfruttando l'enorme quantità di calore contenuta nel sottosuolo, che rimane temperatura costante praticamente tutto l'anno.

Un impianto geotermico abbassa entalpia consiste in delle sonde calate nel terreno fino alla profondità di 90 o 100 m e collegate a una pompa di calore geotermica.

D'inverno preleviamo calore dal terreno, d'estate preleviamo calore dall'edificio immagazzinandolo nel terreno. In questo modo il terreno si comporta come se fosse un serbatoio di calore a nostra disposizione.

Con questo meccanismo, spendendo un solo kilowattora, riusciamo a produrre ben 7 kWh di freddo o 5 kWh di caldo, con vantaggi facilmente intuibili sulla bolletta!

Con questi valori il risparmio può arrivare al 70%-80%!

Lo spazio necessario per un impianto di geotermia a bassa entalpia e di poche decine di metri quadri tra una piccola sala tecnica e lo spazio dove posizionare le sonde (tipicamente un piazzale, un viale o altro)

Per informazioni su questa grande novità (che in Europa vede centinaia di migliaia di impianti già installati) potete contattarci per un preventivo gratuito, senza alcun vincolo da parte vostra.

Edil Polce srl

Cell. 349.4266.757 – 339.23.73.903 

Tel. / Fax 06.9559.5230

Per e-mail potete scrivere a info@edilpolce.com.

Tag: , , , , ,


« Pagina precedentePagina successiva »